Panperduto, navigando sul Ticino

La diga del Panperduto, una visita

guidata sulle rive del Ticino.

Approfittando di una domenica ancora soleggiata, abbiamo prenotato la visita guidata al Panperduto (15 euro, con partenza alle 15.20 per circa 90 minuti di percorso), un luogo immerso nella natura del Ticino, dove però l’ingegno dell’uomo lascia i visitatori a bocca aperta.

Lasciata l’auto a Somma Lombardo (al parcheggio di via Canottieri 6), si raggiunge la biglietteria del Paperduto camminando per circa 300 metri su un sentiero sterrato e molto largo che costeggia il fiume. Qui ci si imbarca e , grazie alla conca vinciana, si parte per il tour guidato che arriva fino al Porto della Torre.

Da qui riprende la navigazione che attraversa la concata del Panperduto, attraverso il bacino, fino allo sbarco al museo delle acque italo-svizzere. Quindi la visita che permette di ripercorrere il tragitto del Ticino, dalla sorgente svizzera fino a Pavia, e del Villoresi. Poi il tratto a piedi: tra i giochi d’acqua al percorso pedonale sulla diga e sull’opera di presa.

Un ottimo modo per passare una domenica (ma le visite sono attive anche al sabato) diversa, alla scoperta di una perla del nostro territorio.

Eleonora Guzzetti

Eleonora Guzzetti nasce a Tradate il 4 agosto 1992. E’ laureata in Giurisprudenza all’Università Cattolica del Sacro Cuore. Dal 2012 ha collaborato sul settimanale locale La Settimana di Saronno, occupandosi di cronaca, cultura, sport e politica nel territorio di Rovello Porro, Cislago e Gerenzano. Ama il calcio, in particolare è una tifosissima del Varese che segue ogni domenica allo stadio. Adora gli animali, specialmente i suoi cani Timmy e Vegan e la gattina Riga.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *