Corna al GFVip ed è subito boom di ascolti, ma l’etica?

Il reality show sembrava un genere televisivo ormai tramontato, tanto che, dopo il flop dell’ultima edizione Nip del Gf, Mediaset era corsa ai ripari non trasmettendo più il Grande Fratello. E’ bastato però inserire nello stesso contesto mediatico personaggi famosi, o presunti tali, per suscitare la reazione del largo pubblico. Già dallo scorso anno, il Gf nella versione vip ha infatti recuperato ascolti e quest’anno ha superato il record.

Corna al Gfvip: boom di ascolti

La puntata di lunedì, incentrata sul dramma sentimentale di Cecilia Rodriguez, ha infatti registrato ascolti altissimi con uno share superiore al 25%, dato significativo in un periodo in cui l’offerta televisiva è molto alta. La sorella della più famosa Belen ha infatti lasciato il suo fidanzato, l’ex tronista Francesco Monte, in diretta televisiva dopo ben quattro anni. La motivazione? All’interno della casa la ragazza ha ripensato ai suoi sentimenti e preferisce pensare a se stessa. “Coltiva i tuoi sogni e non pensare a me”, è stato il suo invito all’ormai ex fidanzato. Il reale motivo? L’argentina si è infatuata del ciclista Ignazio Monser, che ha provato in ogni modo a sedurre la sorella di Belen fino a farla cadere nella sua “trappola” da corteggiatore incallito (all’interno della casa ha confessato di tenere un diario in cui valuta con stelline tutte le sue avventure).

Gli ascolti giustificano la mancanza d’etica?

E’ ovviamente una domanda retorica: a vedere il teatrino del triangolo amoroso in diretta televisiva, è infatti sorta solo una grande tristezza. Più di quella suscitata dalle “perle di ignoranza” di Giulia De Lellis e dalle battute omofobe di Predolin. Signorini ha naturalmente sguazzato nella storia di corna e di relazioni finite, lasciando da parte le lezioni moraliste che ha invece riservato ad altri concorrenti per questioni decisamente più leggere. Il motivo? Le corna sono sempre esistite, ma ancora oggi fanno chiacchierare e aumentano l’ascolto (Temptation Island insegna). E ad assistere a certi siparietti, viene da chiedersi se non sia già tutto costruito a tavolino. Tutto sembra un copione, tra l’altro scritto da pessimi autori e recitato da altrettanto pessimi attori.

Davide Bellombra

Davide Bellombra nasce a Tradate il 13 aprile 1991. E' laureato in Lettere moderne e Storia e Cultura del Sistema editoriale all'Università degli Studi di Milano. Dal 2012 scrive sul settimanale locale La Settimana di Saronno, occupandosi di cronaca, cultura, sport e politica nel territorio di Saronno, Saronnese e Bassa Comasca. Ama la musica e le varie forme di spettacolo: nel suo curriculum ha infatti anche un passato da cantante e musicista e talvolta presenta e organizza spettacoli e talent show benefici per la sezione Avis di Turate, di cui è consigliere.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *