Privacy Policy

Morte di Riina il commento di Rita della Chiesa

La morte di Riina ha inevitabilmente fatto riaffiorare nella memoria degli italiani tutte le stragi di cui Cosa Nostra si è resa autrice. Oltre agli attentati che hanno provocato la morte dei magistrati Falcone e Borsellino, non si può dimenticare l’omicidio di Carlo Alberto della Chiesa, il prefetto di Palermo ucciso nel 1982 insieme alla moglie e all’agente della scorta. Per i tre omicidi sono stati condannati all’ergastolo come mandanti i vertici di Cosa Nostra, ossia i boss Totò Riina, Bernardo Provenzano, Michele Greco, Pippo Calò, Bernardo Brusca e Nenè Geraci.

Morte di Riina: il commento di Rita della Chiesa

Non è riuscita a rimanere Rita della Chiesa, presentatrice italiana e sopratutto figlia del prefetto assassinato da Cosa Nostra. Nelle sue parole non si percepisce rabbia o vendetta, ma nemmeno pietà e perdono.

La sua morte è arrivata a 87 anni mentre gli uomini dello Stato che ha ucciso erano tutti uomini che nella loro vita non hanno potuto proseguire nei loro affetti, nei loro interessi, nello stare vicini a mogli, figli e nipoti. La prima cosa che mi è venuta in mente è che quest’uomo ha costruito un potere che non gli servirà più. Il mio dolore è banale da descrivere, ma è lo stesso che hanno provato i Falcone, i Borsellino, è lo stesso che ha provato Rosaria (Costa, moglie di Vito Schifani) quando in chiesa diceva ‘non cambiano’, e aveva ragione, ogni volta che io vedo quelle lacrime piango.

Davide Bellombra

Davide Bellombra nasce a Tradate il 13 aprile 1991. E' laureato in Lettere moderne e Storia e Cultura del Sistema editoriale all'Università degli Studi di Milano. Dal 2012 scrive sul settimanale locale La Settimana di Saronno, occupandosi di cronaca, cultura, sport e politica nel territorio di Saronno, Saronnese e Bassa Comasca. Ama la musica e le varie forme di spettacolo: nel suo curriculum ha infatti anche un passato da cantante e musicista e talvolta presenta e organizza spettacoli e talent show benefici per la sezione Avis di Turate, di cui è consigliere.