Privacy Policy

Sanremo 2018: una canzone sull’uso del congiuntivo

Sanremo 2018: ieri sera, durante la messa in onda della trasmissione “Sarà Sanremo”, sono stati svelati ufficialmente i nomi dei 20 big che calcheranno il palcoscenico del teatro Ariston, ma a tenere banco è anche stata la selezione delle 8 Nuove Proposte che, grazie a Sanremo, potrebbero sbarcare nel mercato musicale italiano.

Sanremo 2018: Lorenzo Baglioni canta il congiuntivo

Tra i vari giovani che hanno proposto brani e generi musicali ormai consolidati, a distinguersi per originalità è sicuramente stato Lorenzo Baglioni (non vi allarmate, non è parente del direttore artistico Claudio Baglioni), che ha proposto una canzone sull’uso corretto del congiuntivo nella lingua italiana. E’ ormai risaputo che il modo verbale è stato purtroppo dimenticato, soprattutto nell’oralità, e per questo il giovane artista ha pensato di scrivere una canzone molto orecchiabile per ricordare agli ascoltatori le regole principali che regolano l’uso del congiuntivo e dei suoi diversi tempi verbali. Tasto dolente è anche la “consecutio temporum” del periodo ipotetico e l’uso del condizionale dopo il “se”, molto diffuso soprattutto in certe parlate locali. Di tutto questo, e di molto altro, naturalmente in chiave ironica, si parla nel brano di Lorenzo Baglioni. Chissà se grazie a questa canzone, che sui social hanno già proclamato vincitrice della categoria “Nuove Proposte”, molti italiani impareranno le nozioni base della nostra grammatica.

Ecco il testo:

Che io sia
che io fossi
che io sia stato
oh-oh-oh

Oggigiorno chi corteggia
incontra sempre più difficoltà
coi verbi al congiuntivo

Quindi è tempo di riaprire
il manuale di grammatica
che è, molto educativo

Gerundio imperativo
e infinito indicativo
molti tempi e molte coniugazioni ma…

Il congiuntivo ha un ruolo distintivo
e si usa per eventi
che non sono reali

E’ relativo a ciò che è soggettivo
a differenza di altri modi verbali

E adesso che lo sai anche tu
non lo sbagli più

Nel caso che il periodo sia della tipologia dell’irrealtà (si sa)
ci vuole il congiuntivo

Tipo se tu avessi usato
il congiuntivo trapassato
con lei non sarebbe andata poi male
condizionale
segui la consecutio temporum

Il congiuntivo ha un ruolo distintivo
e si usa per eventi
che non sono reali

E’ relativo a ciò che è soggettivo
a differenza di altri modi verbali

E adesso ripassiamo un po’ di verbi al congiuntivo
che io sia (presente)
che io fossi (imperfetto)
che io sia stato (passato)
che fossi stato (trapassato)
che io abbia (presente)
che io avessi (imperfetto)
che abbia avuto (passato)
che avessi avuto (trapassato)
che io… vorrei

Il congiuntivo
come ti dicevo
si usa in questo tipo di costrutto sintattico

Il tentativo è quasi riflessivo
descritto dal seguente esempio didattico

E adesso che lo sai anche tu
non lo sbagli più

Davide Bellombra

Davide Bellombra nasce a Tradate il 13 aprile 1991. E' laureato in Lettere moderne e Storia e Cultura del Sistema editoriale all'Università degli Studi di Milano. Dal 2012 scrive sul settimanale locale La Settimana di Saronno, occupandosi di cronaca, cultura, sport e politica nel territorio di Saronno, Saronnese e Bassa Comasca. Ama la musica e le varie forme di spettacolo: nel suo curriculum ha infatti anche un passato da cantante e musicista e talvolta presenta e organizza spettacoli e talent show benefici per la sezione Avis di Turate, di cui è consigliere.