Privacy Policy

Torba, il Patrimonio dell’Unesco in provincia di Varese: una piccola oasi nella natura

Torba, il Patrimonio dell’Unesco in provincia di Varese.

Poche ore a disposizione, tanta voglia di sfruttare una domenica pomeriggio soleggiata. La risposta, per me che sono cresciuta con l’amore per la mia provincia, era chiara: il Monastero di Torba, bene FAI dal 1977.

Parcheggiata l’auto, il Monastero accoglie i visitatori con una brevissima passeggiata immersa nel verde, preludio dell’immensità naturalistica di tutta la struttura.

In un primo momento, l’edificio aveva la funzione di avamposto militare contro la minaccia dei barbari. A testimoniarlo, ancora oggi, è il torrione di guardia.

Da roccaforte difensiva, Torba è diventata poi un centro religioso molo importante, grazie all’insediamento di divenne alcune monache benedettine. A loro si deve la costruzione del monastero e della piccola chiesa che deliziosa si affaccia sull’immenso parco che costeggia tutta la struttura. Il gruppo di monache ha abitato la comunità per circa sette secoli, poi la loro partenza che ha portato Torba al declino: prima trasformandosi in azienda agricola e poi degradando lentamente, almeno fino al 1977 quando il bene è stato donato al FAI.

Nel 2011 è stato inserito nelle liste del Patrimonio dell’Umanità Unesco.

Eleonora Guzzetti

Eleonora Guzzetti nasce a Tradate il 4 agosto 1992. E' laureata in Giurisprudenza all'Università Cattolica del Sacro Cuore. Dal 2012 ha collaborato sul settimanale locale La Settimana di Saronno, occupandosi di cronaca, cultura, sport e politica nel territorio di Rovello Porro, Cislago e Gerenzano. Ama il calcio, in particolare è una tifosissima del Varese che segue ogni domenica allo stadio. Adora gli animali, specialmente i suoi cani Timmy e Vegan e la gattina Riga.