Privacy Policy

Esci il cane e gli sfottò sui social

Esci il cane, siedi il bimbo e scendi la valigia… In questi giorni tutti hanno parlato della “rivoluzionaria” decisione dell’Accademia della Crusca di ammettere queste espressioni tipiche del Sud. Decisione che poi si è rivelata una “fake news”, o almeno in parte, dato che è stato specificato che queste forme rimangono comunque scorrette (dato che trasformano in transitivi verbi intransitivi), ma possono essere accettate nella forma parlata.

Esci il cane e scendi il bambino sono espressioni sbagliate nello scritto

Le insegnanti possono quindi tranquillamente continuare a segnare con la penna rossa chi dovesse utilizzarle nei temi, senza il rischio che qualche alunno possa fare appello all’Accademia della Crusca, dato che “la lingua scritta, a differenza di quella parlata, non nasce spontanea, ma è regolata”.

Sui social si è scatenata l’ironia

Ma al di là delle opinioni dei grammatici, il popolo del web non si è lasciato sfuggire questo dibattito. E così nei giorni scorsi su Facebook, Instagram e Twitter sono circolati tantissimi post, meme e commenti ironici per suscitare i sorrisi dei follower. Come spesso accade in questi casi, protagonisti dei contenuti spiritosi sono diventati i personaggi pubblici, ma ci sono stati riferimenti anche ai cartoni animati o ai film. Un tema che ha fatto riflettere anche i giornalisti: Massimo Gramellini, ad esempio, vi ha dedicato la rubrica mattutina che cura sul “Corriere della Sera”, commentando la questione in tono decisamente sarcastico, con un pezzo scritto appositamente… pieno di errori.

Monica Gregis

Monica Gregis nasce a Milano il 7 luglio 1988. Laureata in Linguaggio dei media e Comunicazione d'impresa all'Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano. Dal 2012 scrive per i settimanali locali La Settimana di Saronno, Il Giornale di Desio e Il Giornale di Seregno, occupandosi di cronaca, politica, cultura, sport ed eventi. Tra le sue grandi passioni la lettura e il cinema.