Privacy Policy

Sanremo 2019: tutte le polemiche all’alba del Festival

Sanremo 2019: come si suol dire, non c’è Festival senza polemiche e anche quest’anno non ne sono mancate, anzi.

Sanremo 2019: Baglioni e il conflitto d’interesse

Striscia la Notizia, tg satirico di Canale 5 a firma di Antonio Ricci (la cui ostilità con Baglioni è già nota da tempo), sta ormai da parecchie puntate puntando il dito contro il presunto conflitto d’interesse del direttore artistico di Sanremo, che avrebbe invitato come concorrenti ma soprattutto come ospiti molti artisti legati alla sua stessa agenzia, la “Friends and Partners” di Ferdinando Salzano. Ne fanno parte Paola Turci, Nino D’Angelo, Francesco Renga, Il Volo, Achille Lauro e Nek. Ma non è finita qui: a questi si aggiungono infatti anche Irama, Ultimo, Federica Carta, Shade e gli Ex Otago, che fanno invece parte delle agenzie “Vivo Concerti” e “Magellano Concerti” che fanno parte a loro volta della “CTS Eventim”, che ha acquistato una parte della “Friends and Partners”. Tra gli ospiti sono invece Antonello Venditti, Elisa, Alessandra Amoroso, e Luciano Ligabue a essere seguiti dall’agenzia in questione. Valerio Staffelli, storico inviato di “Striscia la Notizia”, si è presentato proprio oggi, durante la conferenza stampa di lancio della kermesse, con un maxi tapiro d’oro rivolto proprio a Baglioni.

Sanremo 2019: la polemica con Salvini

Prima della grande discussione sul conflitto d’interesse, ad infiammare il dibattito, anche politico, erano invece state le dichiarazioni di Claudio Baglioni sulla politica del Ministro dell’Interno Matteo Salvini riguardo l’immigrazione e la chiusura dei porti. “Se non fosse drammatica la situazione di oggi, ci sarebbe da ridere. Ci sono milioni di persone in movimento, non si può pensare di risolvere il problema evitando lo sbarco di 40-50 persone, siamo un po’ alla farsa”, aveva dichiarato, tra le altre cose, il diretto artistico, meritandosi l’immediata replica di Salvini, che aveva riposto via social: “Baglioni? Canta che ti passa, lascia che di sicurezza, immigrazione e terrorismo si occupi chi ha il diritto e il dovere di farlo?”.

Sanremo 2019: “Compensi troppo alti”

Come ogni anno, è sempre viva la polemica, legata all’indignazione popolare, sui compensi dei conduttori della kermesse, senza considerare tra l’altro i guadagni che una trasmissione così seguita portano alla Rai in termini di inserzioni pubblicitarie. Secondo “Il Corriere della Sera” è pari a 700 mila euro il compenso di Claudio Baglioni, con il doppio ruolo di conduttore artistico e conduttore, a 450 mila euro quello di Claudio Bisio e a 350 mila euro quello di Virginia Raffaele. La Rai, con una nota ufficiale, ha però subito smentito tali importi,  sottolineando che Baglioni guadagnerà come lo scorso anno 585 mila euro.

Sanremo 2019: l’esclusione di Carone e dei “New Trols”

Infine, come tradizione, anche i cantanti esclusi dalla gara più ambita d’Italia hanno fatto sentire le loro rimostranze. A generare particolare malumore è stata l’eliminazione della canzone “Caramelle” scritta da Pierdavide Carone, ex Amici di Maria de Filippi, che in coppia con il gruppo “Dear Jack”, aveva presentato un brano sul delicato tema della pedofilia e degli abusi sessuali. Sono stati esclusi anche i “New Trolls” perché, a detta degli stessi artisti, non sarebbe stata apprezzata dal direttore artistico la loro canzone con toni decisamente sovranisti e ostili all’accoglienza indiscriminata dei migranti.

Davide Bellombra

Davide Bellombra nasce a Tradate il 13 aprile 1991. E' laureato in Lettere moderne e Storia e Cultura del Sistema editoriale all'Università degli Studi di Milano. Dal 2012 scrive sul settimanale locale La Settimana di Saronno, occupandosi di cronaca, cultura, sport e politica nel territorio di Saronno, Saronnese e Bassa Comasca. Ama la musica e le varie forme di spettacolo: nel suo curriculum ha infatti anche un passato da cantante e musicista e talvolta presenta e organizza spettacoli e talent show benefici per la sezione Avis di Turate, di cui è consigliere.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *