Privacy Policy

Ultimo: questa sera si scrive la storia

Ultimo, tutto pronto per il bagno di folla nello stadio che lo ha visto prima tifoso e oggi protagonista.

Questa sera, giovedì 4 luglio, il cantante amatissimo dai più giovani sarà all’Olimpico di Roma che è già sold out. Un concerto che lo consacra il più giovane artista italiano ad essersi esibito da protagonista in uno stadio. Lontane quindi le polemiche del festival di Sanremo, oggi Ultimo si gode il successo del suo nuovo album “Colpa delle favole” e l’annuncio del tour negli stadi nel 2020.

A celebrare l’evento di questa sera anche un post dello stesso cantante: “A Nì… Nun te svejà…che voi cercà de capì? Nun te fa troppe domande… rilassate.. So 4 notti che nun dormi bene e te sveji nel sonno, sei voluto andà a dormì in albergo invece che a casa pe nun sentì la pressione de chi c’hai intorno.. e mo mancano meno di 24 ore… mo non puoi più nasconde l’ansia… certo na curiosità te la devo chiede: ma se fosse passato ‘ntizio pe caso a ditte ‘regazzì tra 10 anni ce starai te li a cantà..’ tu c’avresti creduto? Ce pensi che l’estate del 2017 cantasti al mercato de Testaccio seduto davanti a 10 persone? So passati du anni… La vita è ngioco strano Nì. Che c’hai? Te senti agitato… Ma l’ansia viene a chi c’ha er core bono.. domani 64mila persone staranno li pe te, nella tua Roma, in quello stadio dove a 13 anni eri abbonato co tu padre nei distinti sud…che voi de più!? Sessantaquattromila, ce vo tanto solo a scrivelo. Te ricordi quanno cantavi co 3 amici nel salone de casa? O quando dicevi che volevi fa er cantante e dicevano che eri pazzo? Quel giorno dove presentasti il provino di ‘sogni appesi’ e dissero “È troppo pesante la gente vuole divertirsi…” Ecco, io pe domani nun te auguro niente, nessun in bocca al lupo, nessuna pacca sulla spalla.. perchè se domani prima de uscì sul palco te affaccerai e vedrai 64mila persone che strillano er nome tuo nun è stata fortuna, neanche destino…sei stato te… quer pischello che a scola se ne stava su na panchina a scrive che in classe non era presente. A nì… fai na cosa, domani nun pensà alla gente, nun pensà ai record, nun pensà a cantà intonato, nun pensà a chi t’ha deluso….pensa solo a esse un ultimo…. un ultimo che pe na sera, almeno la sera di domani, può strillà che ce l’ha fatta”.

Eleonora Guzzetti

Eleonora Guzzetti nasce a Tradate il 4 agosto 1992. E' laureata in Giurisprudenza all'Università Cattolica del Sacro Cuore. Dal 2012 ha collaborato sul settimanale locale La Settimana di Saronno, occupandosi di cronaca, cultura, sport e politica nel territorio di Rovello Porro, Cislago e Gerenzano. Ama il calcio, in particolare è una tifosissima del Varese che segue ogni domenica allo stadio. Adora gli animali, specialmente i suoi cani Timmy e Vegan e la gattina Riga.