Privacy Policy

Tutti pazzi per l’app che invecchia, ma c’è chi mette in guardia

Da Fedez e Chiara Ferragni a Francesco Renga, da Eros Ramazzotti a Cristiano Ronaldo. Vip, ma anche i comuni mortali sono impazziti per l’app che invecchia in un istante. Ma c’è chi mette in guardia, in modo ironico come sempre: “Non esagerate con FaceApp, che è un attimo”, ha twittato Taffo, l’agenzia di pompe funebri più famosa e divertente d’Italia.

Tutti pazzi per l’app che invecchia

Come era successo qualche anno fa con il software che trasformava gli utenti in una persona del sesso opposto, oggi FaceApp è tornata a colpire con il filtro che invecchia. E così si è scatenata un’altra FaceApp Challenge, che ha coinvolto personaggi famosi e meno. In tantissimi hanno invaso Facebook, Instagram e Twitter con le proprie immagini ritoccate: c’è chi sembra un po’ più anziano e chi invece è proprio un vecchio decrepito grazie all’app che aggiunge 30 anni di età. Grazie alla “magia” dell’intelligenza artificiale celebrità più o meno conosciute sono invecchiate di netto, in maniera drastica e molto realistica, grazie a rughe e capelli bianchi.

L’ironia delle pompe funebri

E su questa voglia dilagante di vedere come si diventerà da vecchi non poteva non lasciare un commento l’agenzia di pompe funebri Taffo, che ha twittato: “Non esagerate con FaceApp, che è un attimo”. Corredata al post… l’immagine di una bara di mogano chiaro. Una macabra ironia sul fenomeno social del momento.

Monica Gregis

Monica Gregis nasce a Milano il 7 luglio 1988. Laureata in Linguaggio dei media e Comunicazione d'impresa all'Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano. Dal 2012 scrive per i settimanali locali La Settimana di Saronno, Il Giornale di Desio e Il Giornale di Seregno, occupandosi di cronaca, politica, cultura, sport ed eventi. Tra le sue grandi passioni la lettura e il cinema.