Privacy Policy Il santuario di Oropa, un'oasi di pace tra le montagne - Oltre la Notizia

Il santuario di Oropa, un’oasi di pace tra le montagne

Un’oasi di pace e silenzio tra le montagne. Così si può descrivere il suggestivo santuario di Oropa, in Piemonte. Situato sul Sacro Monte di Oropa, patrimonio dell’Unesco dal 2003, si trova sulle Prealpi Biellesi a 1.159 metri di altezza.

Il santuario di Oropa, la storia

Secondo la tradizione, la sua costruzione risale al IV secolo e fu voluta da Sant’Eusebio, che diffuse la religione cristiana nelle valli del territorio circostante. Il santuario è dedicato alla Madonna Nera, la cui statua che si trova all’interno è venerata sin dal 1300. Nel corso dei secoli le sono stati attribuiti diversi miracoli e così il santuario è diventato meta di pellegrinaggio cristiano.

Un grande complesso racchiuso tra le montagne

Nel corso degli anni la struttura ha subito notevoli cambiamenti fino a diventare un grande complesso pronto ad accogliere tutti i pellegrini. Il Santuario di Oropa è composto dal chiostro con la Basilica Antica che conserva la statua della Madonna nera, la Basilica Nuova che è in fase di sistemazione, il Museo dei Tesori, l’Appartamento Reale, il Sacro Monte, l’Osservatorio Meteorosismico, la Biblioteca e gli edifici laterali dove sono state costruite le camere per ospitare i pellegrini.

Il percorso delle cappelle

Non solo: nell’area circostante si trovano dodici cappelle, realizzate il ‘600 e il ‘700 e dedicate alla vita della Madonna (la Cappella dell’Immacolata Concezione di Maria, la Cappella della Natività di Maria, la Cappella della Presentazione di Maria al Tempio, la Cappella della Dimora di Maria al Tempio, la Cappella dello Sposalizio di Maria, la Cappella dell’Annunciazione, la Cappella della Visitazione, la Cappella della Natività di Gesù, la Cappella della Purificazione di Maria, la Cappella delle Nozze di Cana, la Cappella dell’Assunzione di Maria e infine la Cappella dell’Incoronazione di Maria in cielo).

Adatto anche per gli amanti della natura

Ma oltre che per i fedeli il santuario è una meta ideale per gli amanti delle passeggiate in montagna (si possono infatti raggiungere numerosi rifugi alpini e grazie ad una funivia il Lago e la stazione sciistica del Mucrone) e della natura (da maggio a settembre è possibile visitare il Giardino Botanico che è Oasi del WWF).

Monica Gregis

Monica Gregis nasce a Milano il 7 luglio 1988. Laureata in Linguaggio dei media e Comunicazione d'impresa all'Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano. Dal 2012 scrive per i settimanali locali La Settimana di Saronno, Il Giornale di Desio e Il Giornale di Seregno, occupandosi di cronaca, politica, cultura, sport ed eventi. Tra le sue grandi passioni la lettura e il cinema.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *