Privacy Policy Tutti al mare... con le pareti in plexiglass - Oltre la Notizia

Tutti al mare… con le pareti in plexiglass

Tutti al mare a mostrar le chiappe chiare… ma con gli ombrelloni a tre metri di stanza e le pareti in plexiglass.

Ombrelloni a tre metri di distanza e pareti in plexiglass

Sono alcuni degli accorgimenti a cui si sta pensando per “salvare” le vacanze estive nonostante l’emergenza coronavirus. Tra le misure che potrebbero essere adottate dagli stabilimenti balneari anche gli accessi scaglionati e l’igienizzazione tecnologica dei locali comuni. Le bozze di alcuni progetti sarebbero già pronte: alcune aziende si sono infatti messe a disposizione delle categorie del turismo proponendo le stesse barriere che vengono utilizzate nei supermercati per proteggere i cassieri. E così gli ombrelloni verranno distanziati e le sdraio saranno isolate dal plexiglass.

Le prescrizioni per l’accesso in spiaggia

Bisognerà seguire anche alcune prescrizioni per garantire le condizioni igieniche negli impianti, dall’accesso scaglionato alla spiaggia all’igienizzante nei bagni, al bar e nelle docce. E naturalmente saranno d’obbligo le mascherine per stare all’aria aperta. L’obiettivo a cui si sta lavorando è quello di salvare le vacanze estive, che saranno di sicuro molto diverse dal solito ma almeno si potranno fare.

 

Monica Gregis

Monica Gregis nasce a Milano il 7 luglio 1988. Laureata in Linguaggio dei media e Comunicazione d'impresa all'Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano. Dal 2012 scrive per i settimanali locali La Settimana di Saronno, Il Giornale di Desio e Il Giornale di Seregno, occupandosi di cronaca, politica, cultura, sport ed eventi. Tra le sue grandi passioni la lettura e il cinema.