Privacy Policy Il pasticcio... dei congiunti - Oltre la Notizia

Il pasticcio… dei congiunti

Congiunti è sicuramente una delle parole più cliccate su Google in questi giorni: dopo il nuovo decreto del presidente del Consiglio dei ministri Giuseppe Conte, che dal 4 maggio permette di rivedere appunto i congiunti, in tanti si sono chiesti quali categorie sono comprese in questo termine. La domanda più frequente circolata anche sui social è stata: “Ma quindi posso vedere il mio/la mia fidanzato/a?”.

Congiunti, questa parola sconosciuta

E in effetti i dubbi sono leciti, dato che la parola congiunti comprenderebbe solo i famigliari e le persone con cui si hanno legami di sangue o comunque sanciti dalla legge, come appunto marito e moglie. Un polverone, quello che si è sollevato in rete, che ha costretto il Governo a fare delle precisazioni, specificando che con congiunti si intendono anche i fidanzati o comunque persone con cui si hanno legami affettivi stabili.

L’ironia sui social

Ma questo chiarimento ha suscitato l’ironia sui social, con meme, immagini e battute esilaranti riferite in particolare alle relazioni extraconiugali o a coloro che sono impegnati in rapporti tira e molla o comunque legami affettivi precari: “Mettetevi l’anima in pace, dall’amante non potete ancora andare”, una delle tante frasi che sta impazzando sul web.

 

Monica Gregis

Monica Gregis nasce a Milano il 7 luglio 1988. Laureata in Linguaggio dei media e Comunicazione d'impresa all'Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano. Dal 2012 scrive per i settimanali locali La Settimana di Saronno, Il Giornale di Desio e Il Giornale di Seregno, occupandosi di cronaca, politica, cultura, sport ed eventi. Tra le sue grandi passioni la lettura e il cinema.