Privacy Policy Mediaset chiude la d'Urso: meme sulla solidarietà di Zingaretti - Oltre la Notizia

Mediaset chiude la d’Urso: meme sulla solidarietà di Zingaretti

Mediaset chiude la d’Urso: l’indiscrezione che circolava da tempo nei corridoi televisivi è stata ufficialmente confermata. Il programma domenicale di Canale 5, Live non è la d’Urso, chiuderà con la fine di marzo. Sarà sostituito da uno speciale di “Avanti un altro” con Paolo Bonolis e, anche se non dichiarato esplicitamente da Mediaset, la motivazione è legata agli ascolti sempre più al di sotto delle aspettative. Dopo i fasti del passato e ora lontani, per la d’Urso si prospetta però solo una sconfitta parziale perché in compenso le verrà allungato il programma pomeridiano, “Domenica Live”.

Mediaset chiude la d’Urso: la solidarietà di Zingaretti

Ha molto sorpreso la reazione di esplicita difesa intrapresa dal segretario del Pd e dal governatore della Regione Lazio, Nicola Zingaretti, che ha elogiato la conduttrice, al punto da attribuirle la capacità di avvicinare la politica alle persone comuni. Nulla da fare però: Mediaset ha comunque preso poche ore fa la sua decisione definitiva sul programma della prima serata di domenica: “Live non è la D’Urso” chiude il 28 marzo.

Mediaset chiude la d’Urso: meme sui social

Pochi secondi dopo la pubblicazione del tweet di Zingaretti in elogio della d’Urso, i social sono completamente impazziti per ironizzare su questo inedito accostamento tra il segretario del partito principale della sinistra e colei che passerà alla storia per i “siparietti trash” televisivi e anche per avere dato notorietà  a personaggi alquanto discutibili, fra i tanti Angela da Mondello, diventata famosa la scorsa estate per il suo “Non ce n’è Coviddi”. C’è però anche da sottolineare come Barbara d’Urso si sia battuta in prima persona per temi sociali importanti, sensibilizzando il pubblico più popolare sui diritti Lgbt, sulla parità di genere e sulla lotta contro la violenza sulle donne e l’omofobia.

Davide Bellombra

Davide Bellombra nasce a Tradate il 13 aprile 1991. E' laureato in Lettere moderne e Storia e Cultura del Sistema editoriale all'Università degli Studi di Milano e recentemente si è laureato per la terza volta in Letteratura, lingua e cultura italiana. Dal 2012 scrive sul settimanale locale La Settimana di Saronno, occupandosi di cronaca, cultura, sport e politica nel territorio di Saronno, Saronnese e Bassa Comasca. Ama la musica e le varie forme di spettacolo: nel suo curriculum ha infatti anche un passato da cantante, musicista e organizzatore di eventi. Lavora anche nel mondo della scuola.